Quanto conosci la tua pelle? Ti presentiamo le dermoschede della dott.ssa Serri.

conosciti

Conosci te stesso, recitava la famosa scritta sulla porta del Tempio di Delfi. Perché prima di andare a chiedere alla Pizia cosa fare del proprio futuro, bisognava avere piena coscienza di sé e del proprio passato.

E così noi prima di andare dalla farmacista o dall’erborista a chiedere una crema per la nostra pelle “grassa” dobbiamo avere un po’ la consapevolezza del significato che hanno le nostre parole. Non esiste una pelle che si possa definire semplicemente grassa: intervengono molteplici complicazioni. Ci può essere dell’acne infiammata, acne non infiammata, esiti cicatriziali post acne, pelle mista grassa, pelle asfittica o con dermatite seborroica. Lo stesso vale per la pelle “sensibile” o la pelle “secca”. Le pubblicità di cosmetici hanno semplificato moltissimo il problema per avere un bacino d’utenza più ampio, ma sappiamo tutte benissimo che un generico “mal di pancia” può essere ricondotto a diversi malesseri che vanno curati in modo diverso.

Come fare a capire che tipo di pelle abbiamo? Ci vengono in aiuto le dermoschede della mitica dott.ssa Serri, dermatologa che si è dedicata alla COSMESI ECODERMOCOMPATIBILE, e cioè sia ecologica che compatibile con la nostra pelle. Purtroppo la dottoressa è recentemente scomparsa, tuttavia l’istituto da lei fondato funziona ed è ancora attivissimo grazie alla sua collega dott.ssa Pucci Romano (se questo nome vi fa suonare qualche campanello è probabilmente perché la dott.ssa Romano è la vedova di Alberto Castagna).

La dermoscheda analizza il tipo di pelle e consiglia una routine di trattamento da seguire. Vi metto l’esempio della PELLE ASFITTICA che è, purtroppo, la mia. Ma grazie alla routine proposta dalla dottoressa (e ai prodotti ecobio senza petrolati e siliconi) ora è in via di guarigione. Sostanzialmente una pelle asfittica in natura non esiste, è il risultato di anni di trattamenti sbagliati di una pelle grassa con acne: peeling aggressivi, creme troppo nutrienti ed ecco che la pelle “affoga” e non respira. Ci vuole una bella dieta disintossicante, una pulizia del viso profonda e un gel leggero che idrati senza appesantire.

Cercate la vostra pelle e condividete quanto avete scoperto! Se volete qualche consiglio scriveteci sulla nostra pagina Facebook, siamo qui per voi.

 

 

Annunci

Un pensiero su “Quanto conosci la tua pelle? Ti presentiamo le dermoschede della dott.ssa Serri.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...