Mangiare pulito: come si fa

10421522_241165802759958_8422563218605754075_n

Viviamo nell’era del consumismo totalitario, ma che parte fondamentalmente dal continuo e spropositato consumo del cibo. Come se non bastasse questo cibo viene raffinato perché viviamo anche nell’epoca del massimo risultato con il minimo impiego. Quindi un chicco di grano può benissimo fare venti chili di pasta. Di conseguenza se vai a prenderti un caffè e stai in amicizia col barista, lui tenderà a metterti la PANNA MONTATA doppia dentro al caffè (storia vera e  trauma personale che condivido con voi). La cosa orribile e che io non posso rifiutarlo perché è un dono e lui palesemente vuole essere gentile. Se poi rispondi dicendo che non lo vuoi, vieni guardata col fare ironico e canzonatorio e definita come quella che sta a dieta. Ecco, non è vero. Io non sto a dieta. Io mangio sano. E quella panna mista al caffè mi fa venire l’acido, l’indigestione e i brufoli e si va allegramente a depositare sui fianchi.

La parte più difficile da spiegare del cambiamento che stiamo vivendo è proprio l’alimentazione.

Cercare di dimostrare che non stiamo a dieta e che molto probabilmente mangiamo il triplo di chiunque altro, porta a venir considerate come delle stranone o quantomeno fomentate del fitness. Preferirei definirmi una persona previdente e tirchia, non voglio spendere chissà quanti soldi in medicine e cliniche nell’immediato futuro. Questo continuo attaccamento alla sugna ( di cui vi ho già parlato nel precedente articolo), al cibo unto e bisunto, nasconde la palese verità che le industrie alimentari ci vogliono ingozzare, più ci ingozzano e più soldi guadagnano. Specialmente se la pasta che mangi il grano l’ha visto per procura. E che non mi si venga a dire che quella carbonara alla salmonella con sopra un derivato del formaggio sia buona. Questa robaccia non è cibo, è plastica simil-cibo.

Questa premessa è fondamentale per capire come muoversi e ottenere la forma fisica. Avere quindi peso, muscolatura, fiato, salute e gioia di vivere.

La dieta è soprattutto uno stile di vita sano, che deve essere condotto considerando la totale assenza dei presupposti per la salute già nel nostro habitat. Diciamo che vivendo a Roma, avrò molte più difficoltà a campare bene, piuttosto che chi vive tra le montagne dell’Alto Adige e ha la possibilità di vedere come fa una mucca a produrre il latte bianco, mangiando l’erba verde ( vi giuro che se chiedete ai ragazzini in giro vi diranno che le galline hanno 4 zampe).

All’atto pratico la ricerca della salute diventa:

1-far sport 4 volte a settimana per un’ora (o almeno 3 volte, non di meno);

2- cercare di camminare quanto più possibile, se vedete che sono ore che non vi alzate dalla sedia del vostro ufficio, prendete un qualsiasi faldone e fate finta che lo dovete posare dall’altra parte dell’ufficio;

3- eliminare i cibi raffinati, confezionati, fritti (massimo 3 volte al mese), con le etichette che sembrano chimica molecolare;

4- quando cucinate ricordatevi che l’olio può friggere al massimo per 2 minuti e non deve fare fumo, altrimenti è nocivo;

5- comprate una bella griglia, padelle antiaderenti ( tipo quelle in pietra),vaporiere;

6- grigliate, usate il forno oppure bollite;

7-ricercate artigiani che hanno prodotti biologici, che a loro volta si riforniscono da aziende agricole che potete visitare;

8- imparate a diffidare dalle scritte light, integrale, dietetico: non sempre corrispondono al vero e molto spesso fanno più male alla salute dei prodotti normali;

9- mangiate 5/6 volte al giorno, tre pasti principali e due o tre spuntini, cercando di mangiare delle belle colazioni e le cene contenute;

10- non state a contare i grammi e cose di questo genere, se mangiate sano e cucinato come si deve non dovete aver paura. Andate a occhio, se state mangiando la pasta (integrale ) nel piatto del secondo cercate di non riempirlo fino al limite…

11-andate in cucina, aprite gli scaffali e analizzate se tra quello che avete ci sono prodotti sani e adatti agli spuntini o se sono solo schifezze pronte a finire sulla panza. Se avete solo schifezze buttatele via o regalatele;

12- andate a vedere su google qualche calcolatore del metabolismo basale e cercate di mangiare almeno 400 calorie in più rispetto al risultato. Il basale dovrebbe aggirarsi tra le 1200 e le 1500, se mangiate di meno l’organismo si sente in carestia e inizia a fare scorte per l’inverno ( se inizia a farlo a maggio diventa un po’ un problema);

13- cercate alimenti che stimolano il metabolismo come il peperoncino, la cannella, lo zenzero, thè verde, carote, cibi ricchi di fibre;

14- la carne rossa e la pizza vanno mangiati una volta (o al massimo due volte per la carne) a settimana;

15- usate lo zucchero integrale grezzo di canna o il fruttosio, il sale alternatelo col gomasio  o il novosal (cercate di diminuirne le quantità);

16- cercate di fare le varianti sane dei piatti tradizionali;

17- non digiunate;

18- ve l’ho già detto fate sport?!

Annunci

11 pensieri su “Mangiare pulito: come si fa

  1. Amneris

    Seguo ormai da diverso tempo tutte queste “regole” alla perfezione per iniziativa personale e posso confermare che non ci si ammala praticamente mai, l’organismo funziona bene e si dorme pure meglio la notte 🙂
    Ho avuto la gran fortuna di essere praticamente l’unica che a scuola aveva il panino integrale con bresaola o crudo e insalata, o con marmellata fatta in casa… Purtroppo il dramma era ogni giorno dai nonni, tutte cose indubbiamente genuine ma quelle salsicce e formaggi della merenda in effetti erano un po’ troppi! Diciamo che lo sport mi ha sempre aiutata a compensare, praticando nuoto e pallanuoto din da piccola.
    Sono anche io una istruttrice di fitness, in piscina, ho dato un’occhiata al vostro blog e mi piacete molto! Magari potrei provare qualche allenamento proposto da voi 😀

    Mi piace

    Rispondi
  2. Pingback: MANGI SANO? MANGIA PULITO ED EQUILIBRATO! | SISTERS IN ACTION

  3. Vale <3

    Più facile a dirsi che a farsi quando a casa tua non sei tu a fare la spesa.. Ci ho messo MESI a convincere mia mamma a prendermi almeno la pasta integrale (e quella decente, non quella barilla). Una faticaccia! 😀

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...