Archivi tag: benessere

CARDIO VS FUNZIONALE BENEFICI E PUNTI DEBOLI DI DUE SCUOLE DI PENSIERO COMBINABILI

IMG_5284Non di solo cardio si dimagrisce. Questa è una regola che spero ormai abbiate appreso tutti.

Ma andiamo in ordine.

Continua a leggere

NON SALTARE I PASSAGGI, VAI PER GRADI. L’ALLENAMENTO È MIGLIORARE.

IMG_5411La frase che ha ispirato questo articolo è: NON POSSO CORRERE, MI FERMEREI OGNI MINUTO. Ma vale per tutte quelle persone che iniziano ad allenarsi partendo dal divaning estremo e buttandosi subito su INSANITY di Shaun T (Insanity è in assoluto l’allenamento più intenso a livello di fiato di tutti i workout di homefitness). Continua a leggere

QUANTO DEVO ALLENARMI PER MANTENERMI IN FORMA?

IMG_3323Per essere in forma serve allenarsi diverse ore al giorno? Quanto devo allenarmi per dimagrire e tonificare? Non devo dimagrire, quanto devo allenarmi per mantenere un corpo tonico? Continua a leggere

#CIBOSANOPERUNMESE… Last Days

10846155_301158933427311_5041941070077882859_n

Questo è l’ultimo articolo della rubrica #cibosanoperunmese, spero di esservi stata utile. Il mio intento non era quello di darvi ricette o suggerimenti giorno per giorno da seguire come un mantra, ma ho fortemente voluto farvi capire il modo di pensare di una persona che mangia sano. Soprattutto lo studio che c’è dietro, io sono cresciuta in campagna e mia madre è una salutista, ma non è bastato e mi sono dovuta educare per mesi. Oltre lo studio ho voluto sottolinearvi che lo sgarro non va vissuto come un divieto assoluto scritto sulle tavole di Mosè, anche perché ragazzi miei, conoscendo l’essere umano, non appena capite di star facendo peccato, vorreste già rifarlo. Ecco, uno sgarro a settimana non è peccato. Anche all’interno della giornata cercate di non mangiare più di una pietanza fuori luogo (ovvio che intendo na pietanzina ina ina, se te magni na cofana de spaghetti alla carbonara e poi solo insalatine rientriamo nel modus operandi di chi ha disordini alimentari).

Continua a leggere

#CIBOSANOPERUNMESE… Giorno 24 e 25

10928994_318306391712565_1894186632863336550_n

Ansomma ieri mi sono fatta male all’inguine. Ho fatto una ventina di burpees prima di zumba per stare più alta con i battiti, arrivo a zumba con un leggero fastidio all’inguine, do due fiancate micidiali, due bacinate a destra e sinistra e sento che l’inguine è andato. E domenica dovrei fare la dieci chilometri, che come dice Albanesi, non è per niente una garetta semplice. Anche perchè di solito la corre gente che è abituata alle maratone, e nel mezzo te che ti pensi “chimelohafattofare”, ecco il mio chi ha nome e cognome. Però l’atmosfera della gara, specie adesso che conosciamo più persone del giro dei matti maratoneti, è veramente bella.

L’altro ieri ho iniziato la giornata con del pane macinato male (cioè è fatto con una farina macinata strana, integrale) con robiola. Io mica sono convinta che sta robiola vada bene, ma mangio pochissimi formaggi di solito, quindi me la faccio andar bene. Anche perché ho visto che alcuni nutrizionisti capaci la danno.

Pranzo pasta e ceci, spuntini della giornata tra mele e dieci mandorle e cena pollo allo spiedo e broccoli. Li avevo comprati fuori, broccoli lessati e pollo spiedato non unto di grassi strani, sperando facessero al caso mio e invece ho lasciato mezzo pollo. Ho un serio problema con il cibo non di qualità, non riesco a mangiarlo.

Dopo cena mi sono fatta yogurt greco magro con burro di arachidi e semi di lino.

Venerdì l’ho iniziato con pane integrali con semi di girasole certificato ecocert (gli altri non sono integrali, ma solo scuriti). Era pane confezionato. Fateci caso, ne mangio pochissimo, anche se certificato e con bolla papale annessa. Meno cibi confezionati mangiamo, meglio è. La genuinità fa parte del cibo sano e di un ottimo stile di vita.

Ho spuntinato con mele e yogurt. Per pranzo cous cous con verdure. La cuoca della tavola calda mi sta stupendo questa settimana. Il cous cous si trova integrale da Naturasì e altri negozi bio del genere. Il cous cous che c’è in giro è raffinato, non è che vada benissimo. Spuntino di nuovo con mela. yogurt e noci e per cena pizza margherita con cofana di cicoria. Pizza fatta da me di quelle prefatte al farro che si trovano nei negozi bio, passata di pomodoro bio e mozzarella senza lattosio, indovinate un po’, bio pure lei.

Allenamento solo zumba e burpees ieri, sento che ho combinato qualcosa di sbagliato alle mie gambe e stare tranquilla è la via migliore per non farsi seriamente male durante la gara. Questa è una cosa che si impara dopo anni di allenamenti, spingere il proprio corpo oltre il limite non ti farà ottenere risultati migliori, se senti che hai qualche fastidio, ti devi fermare e andarci tranquilla. Per esempio l’inguine già mi fa meno male. Non ci metterò pomate nè altro perché lo devo monitorare, dovesse farmi male domenica, farò solo finta di correre.

Un’ultima cosa. Molte volte tra le vostre domande leggo “ma come, perché ti mangi quell’alimento grasso e cattivo, quando stai a dieta, non è il male?” e capisco che l’unica cosa che vi volete sentir rispondere è “nooo, vai tranquilla, mangiati dieci mozzarelle al minuto e non ingrassi”. Come vi avevo già detto , ve lo ridico. Non ha minimamente senso eliminare alimenti dalla nostra tavola che non siano solamente quelli industriali ed evidentemente viziati nella loro preparazione. Altrimenti tutti gli altri vanno solo mangiati in determinate quantità e con meno frequenza.

Il discorso per i carnivori è il seguente: la carne rossa fa male, specie quella dei supermercati, perché piena di ormoni e schifezze varie (nutrono male i bovini specie nei cosiddetti “allevamenti intensivi” dove non c’è un minimo di etica e professionalità). Però se sei anemica e devi farti la cura di ferro, io direi che prima ti vai a mangiare una bella fiorentina e poi ti impasticchi. A me hanno sempre detto che ho le analisi del sangue molto maschili per via dei livelli molto alti di ferro, perché mangio la carne e le verdure. E per di più amo schiaffare il limone sulle verdure tipo spinaci e simili, che è il metodo migliore per assimilare la vitamina C. Anche perché se vi leggete il foglietto illustrativo delle pasticche di ferro, vi dovrebbe suonare il campanello. Quando una bella bisteccona due volte a settimana con una bella verdura accanto potrebbe risolvere tutti problemi.

Il discorso quindi è di evitare l’eliminazione di alcun tipo di alimento, trovarne sempre la versione più sana e mangiarlo nella GIUSTA MISURA. Anche perché cocce de mamma se mi volete far credere che in Italia non vi capiterà mai più di mangiare una bella pizza, vi direi per prima di correre subito a farlo, visto che le pizze degne di questo nome si fanno solo nel nostro paese. E’ uno stile di vita, quello del mangiare sano, che guarda caso insieme all’allenamento ti farà perdere tutti i chili in eccesso senza troppi problemi. Vi dovete educare al cibo sano ed educare il palato, come ho fatto con il mio.

#CIBOSANOPERUNMESE…Giorno 22

1779842_321834634693074_4958881415254371211_n

Sono diventata molto lazy con sti articoli. Solo che sto facendo la tesi, poi vi sto per scrivere e mi mettono foto di fitgoni in giro, poi questa mattina non la smettevano di farmi lavorare in ufficio. Dico io, non si può più cazzeggiare come una volta.

Ieri mattina mi sono data alla frutta. Fragole e mele, ma tipo due mele e venti fragole. Dopo un’ora avevo fame. Infatti di solito alla frutta ci aggiungo sempre latticini tipo yogurt o ricottina oppure noci (o anche tutto insieme con il miele, diciamoci la verità). Quindi siccome avevo fame mi sono andata a prendere un pezzo di tortino alla ricotta del bar. Se dovete mangiarvi dolci fatelo al mattino, poi fate un po’ di Tiffany la suave che vi sfonda i fianchi e il dolcetto non ci rimane. Evitate i dolcetti come spuntino prima o dopo cena, evitate, massimo massimo una volta a settimana.

A pranzo mi sono presa un mix di verdure da tavola calda, grigliate con du litri d’olio sopra e un bel po’ d’aceto. Ah con patate al forno. Io le patate le mangio, sono piene di cose, mi pare il potassio o cose simili. Saziano e sono buone anche non fritte. Quindi siccome noi i prodotti della terra li mangiamo senza troppi blocchi mentali, siamo più felici e non ci buttiamo su barrette fit di muesli segaturoso con frutta impolverata e gocce di cioccolata che sembrano medicinali.

Mamma mia certe volte apro i blog della gente e vedo che si fa solo ste barrette anche a casa. Non sono buone. Prendi e fatti un ciambellone di quelli sani con farine non raffinate e dolcificanti sani (pare che il miele non debba essere portato a certe temperature che diventa tipo l’olio cioè il male). Come potete notare dalla vaghezza su patate e miele, non mi va di googlare cose neanche oggi. Insomme ste barrette me fanno tristezza, che poi te mangi le barrette per un mese e vedi un bignè di quelli unti e bisunti e te ne mangi otto presa dallo sfinimento (no regà anche i bignè al forno non sono sani, non ci provate).

Per spuntino mi sono finita un’altra mela e i biscotti solidali con l’olio di palma. Oh quelli solidali all’avena niente, non li ho finiti, ne sono rimasti tre. Pure oggi ci ho provato a mangiarli, ma ho preferito sentire lo stomaco che brontolava ( a me lo stomaco fa sempre baccano, avrò un’orchestra rock dentro) e mi pensavo pure “no dai, il pacchetto è aperto da qualche giorno, sai che mosciume che saranno diventati”. E sono rimasti là, i folletti dell’ufficio niente, li snobbano pure loro.

Per cena mi sono fatta mezzo petto di pollo (da sola, lo so era tanto, ma ho bisogno di proteine) l’ho messo in un contenitore di alluminio leggermente inumidito d’olio, ho versato sopra della birra scura e tremila spezie. Il combo migliore di spezie è curcuma, miele e birra, però il miele non si può scaldare troppo e non ce l’ho messo. Accanto zucchine e pomodori bio. Amo le zucchine, erano quelle tonde. Mi sono rifiutata di vedere se fosse la loro stagione. Ogni volta na zucchina diversa con stagionalità diversa dalle altre. Che rottura.

Mi sono allenata subito dopo le dieci ore d’ufficio. Ho ufficialmente le gambe sovrallenate, non riuscivo a correre, massimo di velocità mi sembra 6:20 minuti al chilometro (o chilometri al minuto se mi volete bene). Insomma siccome ho le gambe distrutte ho chiuso con qualche decina di flessioni. Anche ieri e oggi ho fatto le scale in maniera sbilenca e non riuscivo a sterzare con la macchina. Ora vado a ninna, domani pure scriverò tardi, che mi fanno fare consegne di prima mattina.

Forse sta storia dell’emancipazione femminile è sopravvalutata ;-P (ovviamente sto scherzando) #cibosanoperunmese versione femminista ❤

#CIBOSANOPERUNMESE… Giorno 20 e 21

11081640_10204731232735334_743294201_n

Primo sabato del mese non lavorativo, una goduria. Perché non passarlo facendo le ripetute?! Se ve lo state chiedendo sono delle cose simili alle torture che consistono nel fare tot metri tot volte a una tot velocità, di solito supersonica. Si fanno dopo un riscaldamento con corsetta di qualche chilometro.

Continua a leggere

#CIBOSANOPERUNMESE…Giorno 18

1452158_299091510300720_7776345369213134597_n

Sta arrivando la primavera, cosa che odio. Uno non può vivere sotto antistaminici e col fazzoletto vicino al naso. Però devo dire che è la stagione migliore per correre. Tipo si corre nelle condizioni atmosferiche ideali, non hai troppo caldo, non hai troppo freddo, basta un paio di maglie tecniche anche la sera, di giorno ti puoi pure abbronzare.

Continua a leggere

#CIBOSANOPERUNMESE… Giorno 17

10945600_320554561487748_4842418636559036676_n

Sono stata due ore a pensare alla colazione di ieri, poi ho alzato gli occhi e ho beccato le pseudo gocciole solidali della Coop, che hanno l’olio di palma. Non le comprate, io le ho comprate sperando non lo avessero, mi sono fidata e invece non vanno bene. Oramai le finisco. Una delle cose che sto imparando dal biologico e di non far sprecare le cose, specie il cibo. Non muore nessuno se mi mangio un po’ di biscotti con l’olio di palma, mentre non è il caso di buttare il pacchetto, visto che ci sono persone che muoiono di fame. Ora però non fate le furbe e non comprate le patatine fritte.  Continua a leggere

#CIBOSANOPERUNMESE… Giorno 15

10906065_339512446258626_872372029591472559_n

Ho letto da qualche parte che se si sente di una dieta che ha funzionato sul proprio amico o familiare si è più propensi a seguirla. Questa frase mi ha portato a riflettere sul fatto che in generale a noi donne piace dire che stiamo a dieta. Oh sì, è tipo la frase più detta subito dopo “lui mi ama solo che non me lo dimostra” che è un po’ la versione amorosa del ” è intelligente, ma non si applica”. Quando sentite queste frasi, iniziate a pensare che sanno di cavolata, tranne quando siete voi a pronunciarle. Lo sapete perché?! Beh perché lo sanno tutti che dire di stare a dieta ti fa perdere già come presupposto dieci chili, anche se mentre lo dici ti stai scofanando una matriciana. Beh dai, il pasto libero a settimana c’è in tutte le diete.

Continua a leggere

#CIBOSANOPERUNMESE… Giorno 13 e 14

10356312_329652787244592_6748562688089832761_n

Ieri ho avuto troppo da fare per scrivere l’articolo. Chiedo venia, recupero oggi e faccio due giornate in una.  Continua a leggere

#CIBOSANOPERUNMESE…Giorno 12

10649773_322670731276131_3969810363566975272_n

Prima o poi sbaglierò giorno, lo so. Oggi stavo scrivendo 21, così sarebbero mancati nove giorni e avrei potuto ritornare alla sugna. Questa è una cosa che ci tengo a specificare. Non funziona così. Non è che potete mangiare sano solo quando Venere è in Marte e Saturno sorride storto. Si mangia sano sempre. Per quanto possibile facendo le cosette con le proprie manine. Certo se poi state lavorando settordicimila ore settimanali, avete casa che deve essere ripulita, vi state allenando per la maratona etc etc, allora ci sono i bei negozietti bio che ogni tanto vi cito. Ve li citerei di più , ma non mi regalano tortini al farro gratis, quindi s’attaccano.

Continua a leggere

#CIBOSANOPERUNMESE…Giorno 11

997050_337671979776006_2651809412538155004_n

In foto vedete la mia meravigliosa colazione di ieri. Fragole con ricotta e sciroppo d’agave sopra. Ovviamente ho mangiato anche del pane integrale con ricotta e burro d’arachidi sopra. E un bel cappuccio. Certe mattine mi mangerei un bue, specie se la sera mi alleno tanto e mangio più proteico, poi al mattino il corpo mi chiede pane e frutta.

Continua a leggere

Ma la corsa fa dimagrire?!

10930089_325465660996638_1054595595227203129_n

Tra chi si approccia da poco allo sport e agli allenamenti c’è il vizio di cercare di capire cose molto tecniche con la scusa del “non vorrei sbagliare” e di solito il concetto finale si riduce al “evito di farmi la faticata” perché sul sito di Giovanna Sonolamegliotrainerdelmondo ci sta scritto che quel tipo di faticata non ti farà dimagrire.

Continua a leggere

#CIBOSANOPERUNMESE…Giorno 8

11056890_10204636185719218_1160289660_n

Vi confesso che la scelta dello scrivere i pasti il giorno dopo sta iniziando ad essere un ottimo esercizio per la memoria. In primis perché ricordarsi tutto quello che spuntino duecento volte al giorno è un dramma, secondo poi perché mi si confondono i giorni. Per fortuna quando becco un alimento che mi piace lo mangio tutti i giorni come se fosse una medicina da prendere sempre alla stessa ora, fino a che non mi stufo e ne trovo un altro. Un po’ di sana autocritica fa sempre bene.

Continua a leggere

#CIBOSANOPERUNMESE…Giorno 5

10476456_334847910058413_3047342859129771051_n

Oggi sono di corsa, quindi inizio col dirvi che nella giornata di ieri gli spuntini sono stati piuttosto moderati. Tre in tutto, fatti con crostatina all’albicocca con grano Kamut (più digeribile oltre che non raffinato) della stessa marca dei tortini al farro che ho mangiato a colazione (Germinal). Sono tutti prodotti certificati biologici. Tra colazione e spuntini ci sono stati bicchieri di latte e yogurt intero. Cerco di limitare i latticini della giornata a questi due. O al burro. Il burro lo uso perché essendo cresciuta in campagna so esattamente come va fatto e il suo indubbio valore nutritivo (grassi buoni e altro). Assolutamente non usate la margarina. E cercate i burri certificati biologici che sono i migliori. Ah e ho mangiato della frutta sparsa come mela e frutta essiccata (che mangio al posto delle caramelle quando ho bisogno voglia di dolce). Mi raccomando non esagerate con la frutta secca, noci o mandorle. E cercate di variare tra uno e l’altro.

A pranzo mi sono buttata solo sulle verdure e un pezzo di pane. Secondo me la cicoria era ripassata, ma faccio finta che fosse all’agro. La verza no, era al naturale…

A cena avevo un compleanno e ho mangiato quello che prevedeva il menu della casa. I fritti li ho mangiati senza problemi. Semplicemente perché questa settimana di fritto ho mangiato ben poco (tranne il sugo soffritto del pranzo). La carbonara e il risotto li ho mangiati un pochino per quanto il mio stomaco potesse sopportare (e comunque non ha sopportato). Stessa cosa con la torta.

Il problema è che appena abitui il tuo corpo ad un circolo di cibo virtuoso, poco fritto, niente di raffinato, tutto naturale, quando mangi qualcosa di cucinato secondo gli usi e costumi romani, ti senti male. Infatti non ci entro proprio in un fast food perché penso di rischiare un coccolone.  Oltre ad avere problemi anche a deglutire quella robaccia. Pure voi, non ci andate più di una volta al mese. Se dovete sgarrare fatelo in pompa magna. Andate a Norcia, in Toscana, a Roma e mangiate prosciutti, coratelle, paste al ragù, carni alla brace (che ha tutto il grasso della carne cotta là sopra per venti anni, visto che non le lavano mai). Cioè fatemi lo sgarro serio. E no ste cose che vi prendete la plastica e mi fate finta che sia buona. E’ obiettivamente schifosa (sì lo è, già quando entri in questi posti senti un odore poco invitante, figuriamoci il sapore assunto dal “cibo”, cosa possa essere).

Prima di uscire ho fatto mezzo Sekret di Ewa. Mi sono già allenata più di cinque ore questa settimana e non volevo esagerare (cioè volevo, ma il tempo era poco).

Vi posso dire che dopo cinque giorni di #cibosanoperunmese e allenamenti seri, vedo i muscoli molto più visibili. Ora nel mio caso può piacere o non piacere, però quando non sono in tenuta da fitness e rilassata, continuo a sembrare una bella ciaciona. Quando divento come Ewa vi faccio un fischio.

Buon fine settimana e mi raccomando fate solo due pasti con sgarro in questi due giorni, non di più. Non si sgarra tutto il giorno che si vanificano i risultati di tutta la settimana. Mangiate sano e divertitevi !!

UN MESE DI CIBO SANO: #CIBOSANOPERUNMESE…Giorno 0

10954327_331232643753273_4879458151322872920_n

E’ arrivato Marzo. E per me questo mese sarà il primo di una serie molto traumatica di mesi. Quindi mi è venuta la brillante idea di farmi un mese di cibo sanissimo, piuttosto che un mese di integratori energizzanti. Ho pensato di rendervi partecipi della mia dieta personale di questo mese. Come già sapete per me e mia sorella non esiste una dieta nel vero senso della parola, ma piuttosto uno stile di vita sano e salutare.

La necessità di farmi un mese di cibo senza sgarri, nasce dal fatto che sarò molto impegnata su più fronti e devo avere il massimo del nutrimento da ogni piatto, per cercare di contrastare lo stress. Quindi ieri mi sono munita di pazienza e sono andata alla Coop per comprare tutto quello che mi potesse facilitare la strada. Cioè il necessario per la colazione e gli spuntini. Continua a leggere

Muoversi e allenarsi: due concetti collegati ma completamente diversi.

IMG_4620[1]

 

Allenarsi significa muoversi. Ma muoversi significa davvero allenarsi? Fare la cameriera, correre con i bimbi al parco, fare quattro squat al mattino significa che ci siamo allenati? Possiamo considerarlo un allenamento? E fare 15 minuti al mattino e altri 15 la sera è lo stesso che fare mezz’ora di seguito? Continua a leggere